ARTIGIANATO E SHOPPING

L’Artigianato

Le campane e gli orologi da torre di Avegno e Uscio, la filigrana a Campo Ligure, la lavorazione del ferro di Masone, i mosaici da pavimenti a Tiglieto, la ceramica, la lavorazione artistica del plexiglass e le botteghe storiche di Genova costituiscono un patrimonio la cui eccellenza artigianale è riconosciuta non solo a livello locale ma anche a livello nazionale ed internazionale.

Le botteghe storiche

A Genova le botteghe storiche contribuiscono a definirne l’identità urbana. Sono più di 450 le botteghe riconosciute, di queste 10 circa hanno oltre duecento anni, 100 e più hanno oltre cento anni, mentre le altre sono attive dagli anni cinquanta.

Sono botteghe di vario genere, negozi di abbigliamento, pasticcerie, trippai, pollaioli, venditori di stoccafisso e baccalà, botteghe di artigiani, librerie, farmacie e sono concentrate per lo più nel centro storico. Alcune di queste botteghe possiedono dei veri e propri tesori in termini di architettura, di arredi, di archivi documentari e fotografici, di antichi macchinari e strumenti di lavoro.

___________________________________________________________________

Una passeggiata nel cuore dell’artigianato storico
L’associazione Itinera Liguria propone passeggiate alla scoperta delle più antiche botteghe del centro storico, seguendo i profumi, ammirando gli stili e gustando i sapori dell’antica tradizione. Una guida esperta vi accompagna alla ricerca delle antiche corporazioni degli artigiani che nei secoli XIV e XV erano insediati nel cuore della città vecchia.

Visita il sito www.itineraliguria.it e cerca l’itinerario ‘Botteghe Storiche’.

___________________________________________________________________


La filigrana a Campo Ligure

Risale al 1884 la prima bottega artigiana per la lavorazione della filigrana aperta a Campo Ligure. Il suo esempio fu seguito da molti, e presto i laboratori per la lavorazione della filigrana superarono la trentina. Oggi gli artigiani di Campo Ligure continuano a coltivare questa arte, con le loro “bruscelle” -le pinze di varie misure – con il cannello per saldare i fili d’argento e la piastrella creano i preziosi ricami in argento.

Circa duecento oggetti in filigrana, ricercati, provenienti da tutto il mondo sono inoltre esposti nel Museo della Filigrana. Ognuno con i suoi simboli, le sue forme e i colori propri della tradizione del paese di provenienza. Il Museo si trova in Via della Giustizia a Campo Ligure ed è aperto tutti i giorni ad eccezione del lunedì. Per maggiori informazioni visita il sito del Museo della Filigrana

Il ferro a Masone

La produzione artigianale del ferro tradizionalmente diffusa nel territorio del comune di Masone gode dal 1980 di una finestra espositiva di eccellenza, un vero e proprio museo. Ospitato nel Convento degli Agostiniani risalente al 1700 il museo è ricco di macchinari preindustriali e ricostruzioni a grandezza naturale di ambienti di lavoro, come la bottega del ciabattino e la fucina dei chiodi. Centinaia gli attrezzi da lavoro in esposizione, sia quelli propri dei fabbri e dei metallurgisti che gli utensili in ferro adoperati per altri mestieri, e poi le casseforti, i chiodi, i martelli, le incudini, i mantici e le inferriate. Molti anche gli elementi di arredo e le stoviglie e tutti quei piccoli utensili usati per le attività artigianali, contadine o domestiche.

Molte imprese artigianali di piccole e medie dimensioni sono tuttora attive nel territorio di Masone e della Valle Stura più in generale, si tratta di aziende che operano specialmente nel campo dell’edilizia, della carpenteria metallica e della filigrana. Attualmente a Masone la lavorazione del ferro è finalizzata a produzioni particolari e di pregio, come ad esempio le ancore per imbarcazioni.

Per maggiori informazioni visita il sito del Museo di Masone

___________________________________________________________________

Maestri orologiai a Uscio
Inizia nel 1824 la storia dei Trebino con la costruzione del primo orologio da torre in legno per la città di Genova. Poi venne la lavorazione degli orologi in ferro battuto, i carillon meccanici e le campane in bronzo.
Passarono agli orologi di forma orizzontale lavorati in piccole serie e poi a quelli a ricarica elettrica. Nel 1940 installarono nel grattacielo di Genova il primo orologio a carica elettrica ‘a forza costante’ che aveva un quadrante di 21 metri di circonferenza.Poi iniziò la costruzione dei grandiosi orologi della Basilica di San Pietro in Vaticano e negli anni ’60 i primi impianti di elettrificazione delle campane e degli orologi da torre. Conosciuti in tutto il mondo come maestri orologiai e provetti campanari, i Trebino forniscono tuttora le più importanti basiliche e città in Italia e all’estero. Tutto sempre a partire da Uscio.

I mosaici da pavimento a Tiglieto

Da oltre ottanta anni i segreti dell’arte del mosaico e del seminato alla veneziana sono tramandati da padre in figlio nel comune di Tiglieto. La passione per l’antico mestiere e il rispetto delle tradizioni caratterizzano l’attivitą dell’azienda Vigo Mosaici, fondata appunto ottant’anni fa dal mastro Nicola Vigo. Il loro obiettivo č quello di continuare con passione e dedizione a realizzare opere nuove con le modalitą e tecniche proprie della tradizione e a restaurare opere antiche restituendo loro bellezza e dignitą.
___________________________________________________________________

I mercati e le fiere

I mercati dei prodotti tipici dell’agroalimentare, le fiere e i mercatini dell’antiquariato costituiscono ormai un appuntamento fisso in tutto il territorio del Genovesato, non solo nel periodo estivo.

Le Expò della Val Polcevera e della Valle Stura dedicate ai prodotti enogastronomici del territorio sono attive ormai da decenni e rappresentano un momento di incontro importante per le produzioni locali. Il successo di queste manifestazioni è segnalato anche per esempio dal fatto che si ampliano gli spazi espositivi come nel caso dell’Expò della Valle Scrivia che giunta alla sua quarta edizione è ospitata in una grande area espositiva attrezzata.

Nel cuore storico della città, un nuovo mercato di prodotti tipici ‘I Sapori al Ducale’ mira ad abbinare la valorizzazione dei prodotti tipici all’animazione domenicale, ogni secondo week end del mese in Piazza Matteotti. E sempre nei dintorni di Palazzo Ducale si segnala anche il mercato dell’antiquariato l’ultimo fine settimana di ogni mese.

Lo shopping

A Genova si può fare uno shopping vario e di qualità. La città è ricca di quartieri e vie deputate allo shopping dove si può acquistare ogni genere di prodotto, dalle botteghe storiche della città vecchia fino ai centri commerciali della Valpolcevera.

Per chi predilige uno shopping ‘firmato’, via XX Settembre, via Roma, Piazza Piccapietra e le zone pedonali del Quadrilatero – da via San Vincenzo a via Cesarea- offrono quanto di meglio si possa trovare in città. Nell’area del Porto Antico si possono fare buoni acquisti, dai prodotti tipici della gastronomia, alla musica, ai libri, alle attrezzature subacquee. E per chi si č regalato una passeggiata sul lungomare o attraverso i Parchi di Nervi da segnalare anche lo shopping di qualitą offerto dall’elegante quartiere all’estremo Levante della cittą.

Anche le delegazioni del Ponente e della Valpolcevera offrono interessanti possibilità di acquisto all’interno di zone commerciali, anche di recente apertura. Di particolare rilievo le attività dei CIV, i Centri Integrati di Via, che promuovono attività di riqualificazione dell’ambiente urbano e di promozione turistica con eventi di intrattenimento e azioni congiunte.