FOCUS GENOVA 

Genova verticale. Genova eclettica. Genova che emoziona, che innamora, che affascina. Genova, che meraviglia! Genova, che sorpresa! Genova: una scoperta. Genova, città d’arte. Genova, città di mare e di porto. Genova, con i monti e i forti che la proteggono alle spalle. Genova, bontà al pesto. Genova è Cristoforo Colombo. Mazzini. Paganini.

Il Territorio

La città di Genova – poco più di 600.000 abitanti su una superficie di 240 kmq per 34 chilometri di sviluppo costiero – si trova al centro degli oltre 300 chilometri della costa Ligure, che proprio da questa viene suddivisa in Riviera di Ponente e Riviera di Levante.

La città, originariamente costruita intorno alla baia naturale oggi nota come porto antico (visita la sezione ‘Focus Mare’ all’interno del sito), si è sviluppata gradualmente estendendosi lungo la costa e venendo a creare un’area urbana lineare, attraversata dai due torrenti principali – il Polcevera a ovest e il Bisagno a est – e delimitata a nord da una cinta di colline.

La caratteristica di Genova che più di ogni altra colpisce è certamente la verticalità: la carenza di aree pianeggianti ne ha infatti sempre condizionato la vita indirizzandone la crescita secondo un andamento lineare stretto tra il mare e i monti.

La storia

Città romana prima, dominata poi nel corso dei secoli dai Bizantini, dai Longobardi e dai Franchi, Genova avvia nel XI sec. una fase di grande espansione. La società feudale si trasforma in nobiltà mercantile e guerriera, le grandi famiglie si arricchiscono con i commerci.

Nel 1528, con Andrea Doria, nasce una nuova classe di governo, alleata con gli spagnoli che apre le porte alla Repubblica Oligarchica (periodo che verrà denominato “il Secolo dei Genovesi”). Con il fiorire dell’economia, spesso grazie ad iniziative private, vengono realizzati interventi di ristrutturazione di palazzi o piazze nobiliari, come l’apertura di Strada Nuova e le ristrutturazioni di Palazzo Ducale e piazza Banchi.

La Repubblica Oligarchica cade definitivamente nel 1797, quando ha inizio la Repubblica Democratica Ligure, voluta da Napoleone Bonaparte. Nel 1805 la stessa sarà unita al suo regno. Dopo la sconfitta di Napoleone, il Congresso di Vienna priva nuovamente Genova della propria autonomia e la annette al Regno di Sardegna. Da quel momento in poi, la storia della città è legata alla storia del processo di unificazione d’Italia. L’importanza del porto per il nuovo Regno è determinante per il grande sviluppo urbano che segue e nell’affermazione del ruolo della città come polo marittimo e industriale.

All’inizio del XX secolo, Genova diviene la città della metallurgia, della meccanica e dei cantieri navali, oltre che un grande porto mercantile, crocevia dell’emigrazione italiana verso le Americhe. L’espansione urbanistica arriva ad interessare le zone limitrofe al comune fino alla costituzione nel 1926 della cosiddetta “Grande Genova” del regime fascista.

Dopo l’espansione demografica che segue gli anni successivi alla seconda guerra mondiale, la città registra un periodo di declino, interrotto grazie all’attuazione di nuove strategie di sviluppo. L’importante processo di ristrutturazione avviato con le Celebrazioni Colombiane del 1992, ha trasformato l’antico approdo in uno spazio turistico e culturale polivalente. La designazione di Genova a Capitale Europea della Cultura nel 2004 ha continuato l’opera di rinnovamento culturale e valorizzazione artistica della città.

___________________________________________________________________

I Palazzi dei Rolli: Patrimonio dell’ UNESCO
Il 16 luglio 2006 il sito “Genova: le Strade nuove e il sistema dei palazzi dei Rolli” è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO della Convenzione per la Protezione del Patrimonio Culturale e Naturale Mondiale.

Conserva spazi urbani unitari di epoca tardo-rinascimentale e barocca, fiancheggiati da oltre cento palazzi di famiglie nobiliari cittadine. Le maggiori dimore, varie per forma e distribuzione, erano sorteggiate in liste ufficiali (rolli) per ospitare le visite di Stato. I palazzi, spesso eretti su suolo declive, articolati in sequenza atrio-cortile-scalone-giardino e ricchi di decorazioni interne, esprimono una singolare identità sociale ed economica che inaugura l’architettura urbana di età moderna in Europa.

Per maggiori informazioni www.rolliestradenuove.it e www.irolli.it

___________________________________________________________________

Oggi 

L’Acquario, in particolare, uno dei più grandi e moderni parchi marini d’Europa con vasche suggestive che riproducono gli habitat del mediterraneo e degli oceani ad ogni latitudine, costituisce da solo una delle più importanti mete turistiche d’Italia. Visita il sitowww.acquariodigenova.it .

Un altro grande polo d’attrazione è quello di Palazzo Ducale, l’antico palazzo diventato oggi un grande spazio polifunzionale aperto al pubblico, costantemente sede di mostre, spettacoli, convegni, concerti, eventi, oltre che il più importante centro di idee e di iniziative socio-culturali della città e del suo territorio. Visita il sito www.palazzoducale.genova.it .

E più recentemente la costituzione di tre poli museali. Il polo dedicato all’arte antica, comprendente i Musei di Strada Nuova , il Museo di S. Agostino, la Galleria di Palazzo Spinola, il Palazzo Reale, il Museo Diocesano, il Museo Archeologico e il Palazzo del Principe. Molti di questi edifici fanno parte del sistema dei Palazzi dei Rolli, recentemente inclusi nel patrimonio dell’Unesco. Il polo museale dedicato al mare, con il Galata Museo del Mare, il Castello de Albertis e il Museo Navale di Pegli. E il polo museale dedicato all’arte contemporanea, comprendente le raccolte Luxoro, Frugone, la GAM, la nuova Collezione Wolfson e il Museo di Villa Croce.

Molti dei musei cittadini sono ospitati in splendide ville d’epoca circondate da splendidi parchi. E inoltre in vendita la Museum Card che permette ingressi scontati. Visita il sito www.museigenova.it .

___________________________________________________________________

La Città Vecchia
Definito il più vasto d’Europa, il centro storico di Genova è caratterizzato da un patrimonio architettonico d’eccellenza e presenta alcune caratteristiche che lo distinguono: le numerose edicole votive, le tante piazzette che si aprono tra i caratteristici “carruggi”.

La sua conformazione urbana e architettonica, a seguito dei numerosi interventi di risanamento attuati a partire dal 1992 lo trasforma in un’opportunità di attrattiva turistica a sé stante: a seguito di un sondaggio svolto nel 2004, il centro storico è risultato infatti essere il secondo punto di attrattiva della città dopo l’Acquario. 

Le dimensioni di quest’area e la sua caratteristica di semi-pedonalizzazione lo rendono ideale per una visita a piedi in poche ore. La stratificazione architettonica realizzatasi nei secoli costituisce un’ulteriore ricchezza che consente la realizzazione di percorsi tematici diversificati a seconda degli interessi.

___________________________________________________________________

UFFICI IAT di INFORMAZIONE ed ACCOGLIENZA TURISTICA

Visitor Centre via Garibaldi
tel. +39 0105572903/751
da lunedì a domenica, dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30
email: [email protected]

Ufficio IAT De Ferrari, presso teatro Carlo Felice
tel. +39 0108606122
da lunedì a domenica, dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30
email: [email protected]

Ufficio IAT Aeroporto Cristoforo Colombo
tel. +39 0106015247
da lunedì a domenica, dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 13.30 alle 17.30
email: [email protected]

Punto informativo e di vendita di servizi turistici STL del Genovesato

Biglietteria Acquario – Porto Antico di Genova

Tel. +39 0102345338 – Fax +39 0102345505

365 giorni all’anno dalle ore 9.30 alle ore 17.30 (gennaio, febbraio, novembre e dicembre) dalle ore 9.00 alle ore 18.00 (nei mesi restanti)